INFORMAZIONI E PREVENTIVI

FIRMA effettua stampaggio (termoformatura) delle materie plastiche grazie a forni, presse e centri per il tiraggio del vuoto.

Nella prima fase della termoformatura, comune a tutte le tecniche, le lastre di metacrilato (PMMA) vengono fatte scaldare all’interno di un forno. Alte temperature e malleabilità del metacrilato consentiranno quindi di procedere con la tecnica di stampaggio adeguata al risultato da ottenere.

Lo stampaggio o termoformatura delle materie plastiche viene realizzato con tre tecniche diverse illustrate di seguito.

TERMOFORMATURA SU STAMPO : la lastra resa malleabile viene posizionata sullo stampo e qui viene lasciata raffreddare ed indurire.

TERMOFORMATURA SOTTO VUOTO : la lastra resa malleabile viene posizionata su uno stampo e bloccata sul centro per il tiraggio del vuoto che, una volta azionato, tirerà il materiale all’interno dello stampo che gli darà la forma definitiva. Qui verrà lasciato raffreddare ed indurire.

TERMOFORMATURA SOTTO PRESSIONE : la lastra resa malleabile viene posizionata su uno stampo e bloccata sulla pressa che, una volta azionata, presserà il materiale all’interno dello stampo che gli darà la forma definitiva. Qui verrà lasciato raffreddare ed indurire.

Sotto: termoformatura sotto vuoto di una lastra in PMMA trasparente a forma di broccolo romano, destinata a diventare un elemento di Light Design.
La colorazione rossa è data dalla luce Led posizionata sulla base della lampada e riflessa dal metacrilato. Vedi il progetto: Lampada Design in PMMA

 
 
Sotto: fase di raffreddamento di un coperchio per macchine confezionatrici sottovuoto dopo la fase di termoformatura sotto pressione.